La storia di Mauro Morandi, costretto a lasciare l’isola custodita per trent’anni

Mauro Morandi, ha lasciato tutto per vivere in mezzo alla natura. Oggi deve lasciare l’isola incontaminata di Budelli che ha custodito per trent’anni

Almeno una volta nella vita tutti fantastichiamo all’idea di mollare i ritmi frenetici delle città per andare a vivere in un luogo incontaminato e a dimensione d’uomo. Sono poche, però, le persone che lo fanno davvero e Mauro Morandi è una di queste. Mauro – oggi 82enne – quando aveva cinquant’anni era stanco di vivere in città desiderando trasferirsi in luogo immerso nella natura. Così ha deciso di lasciare Modena, città in cui era nato, per andare in Polinesia in catamarano.

L’ISOLA DI BUDELLI – Partito in direzione Polinesia nel 1989, una delle prime tappe di Mauro è la Sardegna. E proprio tra le isole dell’arcipelago del nord Mauro si ferma a Budelliun’isola incontaminata senza centri abitati, dove l’unica costruzione è il rifugio dove vive il custode. E, proprio in quel periodo, scopre che presto il custode dell’isola andrà in pensione. Allora Mauro propone ai proprietari di prendere il suo posto e, così, diventa a tutti gli effetti il guardiano dell’isola. Da quel momento Mauro si è preso cura di Budelli, controllando il territorio, riparando i danni delle mareggiate, e verificando gli sbarchi autorizzati.

I CAMBIAMENTI – Nel corso degli anni, l’isola di Budelli ha cambiato diversi proprietari che hanno tentato di realizzare degli hotel di lusso. Nel 2016 l’isola è stata dichiarata proprietà del Parco Nazionale dell’Arcipelago della Maddalena, diventando area marina protetta. Mauro ha continuato a sorvegliare e prendersi cura del territorio, accompagnando i turisti alla scoperta dell’isola. Purtroppo però, il programma di interventi di manutenzione del Parco – che comprende il rifacimento e la regolarizzazione del rifugio – non permette a Mauro di restare.

LA PETIZIONE – Mauro, che ha passato a Budelli gran parte della sua vita, aveva iniziato a raccontare la vita dell’isola e la sua bellezza attraverso i social. E – proprio attraverso i social – ha raccontato la decisione del Parco di allontanarlo da Budelli, nel 2016. La risonanza dei suoi post, uniti all’affetto dei suoi sostenitori, avevano dato vita a una petizione che è arrivata al Ministero dell’Ambiente, permettendogli di restare. Purtroppo però, il Parco non può più rinviare i lavori e a causa dell’impossibilità di assumere persone con più di 81 anni – lui ne ha già compiuti 82 – Mauro è costretto ad andare via.

«Sono troppo anziano per combattere – ha detto Mauro -. L’ultimo inverno è stato particolarmente difficile e il mio diabete non aiuta». Mauro ha deciso di andare a vivere nel paese della Maddalena. A chi gli chiede cosa vorrebbe fare adesso risponde che gli piacerebbe fare conferenze e incontrare le persone per raccontare come si vive da solo su un’isola. «Vorrei parlare della mia esperienza e trasmettere il valore della bellezza della natura».


Radio Number One

#dovevivitu

Current track
TITLE
ARTIST

Background