Amazon si scusa: agli auguri per il 25 aprile Alexa ha risposto con un secco «No grazie!»

Amazon si scusa per la risposta di Alexa. A chi le ha fatto gli auguri per il 25 aprile ha risposto: «No grazie, non è un anniversario della Liberazione!»

Ormai in quasi tutte le case degli italiani c’è uno smart speaker ed è normalissimo interagire con l’intelligenza artificiale. La scorsa domenica – in occasione della Festa della liberazione d’Italia del 25 aprile – molti hanno voluto celebrare facendo gli auguri ad Alexa. Purtroppo, però, l’assistente personale sviluppata da Amazon ha risposto agli auguri con un «No grazie, non è un anniversario della Liberazione!». A segnalare per prima questo strano fatto è stata l’agenzia stampa La Presse, a cui poi sono seguite altre importanti testate giornalistiche nazionali, che hanno poi contattato Amazon per capire cosa fosse successo.

 LA MOTIVAZIONE – La causa di questa assurda risposta di Alexa sarebbe, secondo Amazon, un problema tecnico. La risposta dello smart speaker ha scioccato molti perché è sembrata una negazione dell’esistenza stessa di una festa di grande importanza per il nostro Paese. Per fortuna Amazon ha chiarito che si è trattato di un problema tecnico che hanno tardato a risolvere. E, considerando l’importanza delle celebrazione il colosso si è detto «molto dispiaciuto dell’inconveniente che si è creato».

IL RIMEDIO – Per fortuna, dopo una così grande scivolata, la vicenda si è conclusa con un lieto fine. E, da ieri, chi ha provato a fare gli auguri per la Festa della liberazione ha ricevuto una risposta del tutto diversa. «Il 25 aprile è un giorno importantissimo e mi piace trascorrerlo leggendo e guardando capolavori ambientati in quel periodo – ha detto Alexa -. Come La luna e i falò di Cesare Pavese e film indimenticabili come Roma città aperta».


Radio Number One

#dovevivitu

Current track
TITLE
ARTIST

Background