A Bruxelles un pesce d’aprile finito molto male per un “finto festival”

A Bruxelles circa 2mila persone si sono radunate per partecipare ad un finto festival che in realtà era un pesce d’aprile, violando le restrizioni

Nel pomeriggio di giovedì 1° aprile, circa 2mila persone si sono radunate in un parco pubblico di Bruxelles, convinte di partecipare ad un concerto che in realtà era un pesce d’aprile. Secondo le restrizioni imposte dal governo per contrastare la pandemia da coronavirus, in Belgio è possibile incontrare al massimo quattro persone alla volta nei luoghi pubblici: per questo motivo il raduno ha violato le restrizioni ed è intervenuta la polizia che ha disperso la folla con violenza. Lo scontro ha riportato quattro persone arrestate e 26 poliziotti rimasti feriti.

L’EVENTO – Qualche settimana fa una pagina Facebook aveva creato un evento chiamato La Boum, un festival che si sarebbe dovuto svolgere l’1 e il 2 aprile nel parco Bois de la Cambre, a sud di Bruxelles, e prometteva vari concerti con più di 100 Dj e 3 palchi. L’evento però non esisteva ed era tutto uno scherzo organizzato per il pesce d’aprile. Nonostante il comune di Bruxelles avesse detto di non aver autorizzato nessun raduno e annunciato che avrebbe mandato la polizia sul posto per evitare assembramenti, almeno 2mila persone si sono presentate al parco.


Radio Number One

#dovevivitu

Current track
TITLE
ARTIST

Background