Irritazioni causate dalle mascherine: ecco i consigli dei dermatologi

Con il caldo l’uso prolungato delle mascherine può portare problemi alla pelle. I dermatologi consigliano di prestare particolare attenzione

In questi giorni è iniziata la fase 2 della pandemia coronavirus. Le restrizioni della fase 1 sono state allentate e in alcuni casi eliminate. Per evitare il nuovo innalzamento dei contagi la gran parte del lavoro la farà il buon senso delle persone. Si può uscire, ma si deve tenere il distanziamento sociale e indossare dispositivi di protezione. Tra questi troviamo le famose mascherine. Per essere efficaci devono essere indossate correttamente, ovvero coprire naso e bocca. Ma con i primi caldi di questi giorni emergono alcuni effetti collaterali. Secondo i dermatologi dell’University of Huddersfield’s Institute of Skin Integrity and Infection Prevention l’uso prolungato delle mascherine comporta l’incremento di irritazioni ed eruzioni cutanee.

IL PROBLEMA – Il respiro all’interno della mascherina crea un microclima umido. Questo favorisce l’insorgere di irritazioni che possono portare, nei soggetti più sensibili, alla comparsa dell’acne. Ma le controindicazioni non sono date solo dal respiro. Il continuo sfregamento del dispositivo sul viso può creare rossore e irritazione nelle zone interessate.

LA SOLUZIONE – I dermatologi consigliano una maggiore cura della pelle in questo periodo. Usare un detergente delicato, mattina e sera, per pulire il viso. Dopo questa operazione serve idratare e nutrire correttamente la pelle con la crema idratante. Secondo gli esperti le migliori sarebbero: il gel alla Aloe vera, la crema alla calendula e l’olio di ricino, che ha anche la funzione anti age.


Radio Number One

#dovevivitu

Current track
TITLE
ARTIST

Background
Un progetto promosso da
Logo Consiglio dei Sindaci
Logo Fondazione della Comunità Bergamasca
Logo Regione Lombardia

#SosteniAMOBergamo

Fà come Notér, dona adess! / Fai come noi, dona adesso! / Follow us, donate now!
Raccolta fondi per il sostegno di 14 unità operative per l’emergenza sociale, nel territorio della città e provincia.
Siamotuttibergamaschi

Scopri di più