Milano, festa abusiva per il compleanno di Lukaku: a segnalarla un’influencer

Festa del 28esimo compleanno dell’attaccante dell’Inter Lukaku interrotta dai carabinieri: ad avvertirli l’influencer Giulia D’Urso

L’attaccante dell’Inter Romelu Lukaku, non contento dei festeggiamenti in onore del 19esimo scudetto della sua squadra, pare abbia celebrato al meglio anche il suo 28esimo compleanno, con una festa  in un hotel di Milano, vicino a Piazza Duomo, tra mercoledì 12 e giovedì 13. Sappiamo tutti, però, che da un po’ di tempo nel nostro Paese ci sono rigide regole da rispettare per via della pandemia legata al Covid-19, tra queste il coprifuoco delle 22. Proprio per questo i Carabinieri hanno interrotto il party alle 3 di notte e multato i partecipanti.

LA SEGNALAZIONE – Pare che ad aver fatto “la soffiata” del party in atto sia stata Giulia D’Urso, influencer 26enne, nota per aver partecipato a Uomini e Donne poco prima dell’inizio della pandemia, nelle vesti di corteggiatrice del giovane e bello Giulio Raselli. Fra i due, però, non è finita bene. Tant’è che la giovane influncer pare fosse stata invitata alla cena in occasione del 28esimo compleanno di Lukaku da Hakimi, difensore dell’Inter. La stessa ragazza, ora, è accusata di averlo fatto solo per ottenere visibilità. 

L’INTERRUZIONE – Dopo qualche ora dalla segnalazione, le forze dell’ordine si sono recate presso l’hotel che ospitava il party. Lukaku, infatti, stava già andando via ed è stato trovato per strada. Gli altri invitati, però, erano ancora tutti dentro. Tra i venti partecipanti, anche altri calciatori interisti come Perisic e Young, unitamente a giocatori del Milan e della Fiorentina, che pare però fossero già in stanza all’arrivo dei carabinieri. I presentinonostante sostengano che non ci fosse alcuna festa, e che fosse una semplice cena dopo la partita a San Siro contro la Roma – sono stati sanzionati per violazione delle norme anti Covid, così come il direttore del ristorante.


Radio Number One

#dovevivitu

Current track
TITLE
ARTIST

Background