Milano, è guerra al fumo: in arrivo un nuovo regolamento

La giunta comunale di Milano propone un nuovo decreto anti fumo: da gennaio 2021 fumare in diversi luoghi della città potrebbe essere categoricamente vietato

Il comune di Milano dichiara ufficialmente guerra alla sigarette: la giunta presieduta dal sindaco Giuseppe Sala ha recentemente proposto il divieto di fumo in diversi parti della città. In particolare potrebbe essere vietato fumare nei parchi, nelle vicinanze di fermate dei mezzi pubblici, nelle aree attrezzate per gioco, nelle aree cani, sugli spalti delle strutture sportive ed anche nei cimiteri. Se nella giornata di lunedì 2 novembre arriverà l’ok anche dal consiglio comunale, il nuovo regolamento entrerà in vigore già a partire dal primo gennaio 2021.

L’OBIETTIVO – «É un provvedimento che ha un duplice significato: aiuta a ridurre l’inquinamento atmosferico ma è anche un’operazione di prevenzione della salute – ha spiegato Marco Granelli, assessore alla Mobilità del Comune -. Ora più che mai questo fattore è da considerare prioritario». La proposta della giunta comunale si avvicina molto a quella applicata lo scorso luglio in Svezia, dove l’obiettivo del parlamento svedese è quello di eliminare completamente il consumo di tabacco entro l’anno 2025. Sebbene liberare Milano dal vizio del fumo potrebbe risultare un proposito molto arduo a raggiungersi, il sindaco Beppe Sala si dice fiducioso rispetto alla nuova regolamentazione proposta: «Entro il 2030 vorrei vedere una Milano completamente smoke-free».


Radio Number One

#dovevivitu

Current track
TITLE
ARTIST

Background