Sanremo 2021, ipotesi “bolla” in crociera per superare l’emergenza Covid

Stando a Dagospia, l’idea sarebbe tamponare pubblico e artisti, tenerli su una crociera al porto di Sanremo, poi il 2 marzo trasferire tutti all’Ariston

Una nave gigantesca per ospitare il Festival di Sanremo del 2021. Un’idea che Dagospia ha lanciato a Natale, sarebbe la soluzione che gli organizzatori stanno pensando per garantire al palco dell’Ariston la presenza del pubblico di sempre e trovare al contempo spazio per rispettare le norme anti-coronavirus. Un progetto firmato Rai con Costa Crociere, utile poiché andrebbe a realizzare la cosiddetta ” bolla” come in Nba, allontanando le ipotesi di contagio.

CONSENSO – Stando a quanto riportato da Dagospia, il presidente della concessionaria Rai pubblicità e coordinatore del progetto festival Antonio Marano sarebbe soddisfatto della proposta (anche s Marano non seguirà l’evento fino all’ultimo, in quanto a giorni avrà un ruolo nella fondazione Milano-Cortina). Le decisioni finali saranno però prese solo a fine gennaio.

MODALITÀ – Nel caso in cui fosse tutto confermato, verrebbero tamponate 3-400 persone del pubblico, oltre allo staff artistico, sulla “Smeralda” di Costa Crociere, ancorata al porto di Sanremo. Tutti sarebbero chiusi e protetti fino al 2 marzo, data d’inizio della kermesse, poi il trasporto verso l’Ariston con tender e autopulmini. Il Palafiori rimarrà operativo per staff tecnico, discografici, sale stampa, presidio radio e programmi in day-time dalla Città dei Fiori.


Radio Number One

#dovevivitu

Current track
TITLE
ARTIST

Background