Scoperti sul pianeta Venere possibili segnali di vita

Sulle nubi che compongono l’atmosfera di Venere sono state rilevate tracce di fosfina, un composto collegato a particolari forme di vita

Sul pianeta Venere, finora giudicato inospitabile, tramite l’ausilio di due importanti telescopi, rispettivamente quello delle Hawaii e quello del deserto di Atacama in Cile, è stato possibile rilevare delle tracce di un singolare gas chiamato fosfina, che sarebbe indice della presenza di particolari forme di vita sul pianeta. La strabiliante notizia arriva direttamente da un articolo pubblicato su Nature Astronomy, il gruppo di ricerca guidato da Jane Graves, che ancora però fatica a capire come sia possibile la presenza di questo particolare composto sul pianeta. Secondo gli scienziati su Venere potrebbero avvenire processi fotochimici o geochimici a noi sconosciuti, che porterebbero in qualche modo alla creazione della vita sotto forma di batteri, i quali al momento si troverebbero a vivere a circa 80 chilometri dalla superficie.

I DUBBI – Al momento non è ancora possibile rispondere in maniera oggettiva alle tante domande poste. I ricercatori dell’Università di Cardiff al fine di fare più chiarezza, hanno condotto una serie di simulazioni ed esprimenti per cercare di comprendere in che modo la fosfina potrebbe essere stata prodotta. Anche tali ricerche si sono rivelate però un altro buco nell’acqua, i ricercatori non sono stati infatti in grado di determinare la fonte delle tracce del particolare composto. Per avere quindi la certezza che sul pianeta Venere ci possa realmente essere della vita, sarà necessario fare ulteriori indagini.


Radio Number One

#dovevivitu

Current track
TITLE
ARTIST

Background