Speranza: «Epidemia in fase espansiva, proroga stato d’emergenza al 30 aprile»

Le parole alla Camera del ministro Speranza: «Siamo all’ultimo miglio, i vaccini saranno sempre di più e dobbiamo raggiungere l’immunità di gregge»

Nella prima mattinata di oggi, mercoledì 13 gennaio, il ministro della Salute Roberto Speranza è intervenuto alla Camera con un’informativa riguardante le nuove misure da adottare in Italia contro il Covid-19: «La pandemia ha le ore contate, col vaccino vediamo la luce in fondo al tunnel, ma non abbiamo ancora vinto – ha commentato Speranza, convinto di essere a pochi metri dal traguardo -. Nei prossimi mesi sarà tutto terribilmente complicato ed è meglio tener fuori dalla battaglia politica la salute degli italiani, sarebbe imperdonabile rallentare per quel motivo».

PEGGIORAMENTO – La situazione, dopo le festività natalizie, sta peggiorando nel nostro Paese: «Il peggioramento della curva epidemiologica è in peggioramento ovunque: aumentano i ricoveri in terapia intensiva, così come si alza l’indica Rt e pullulano focolai sconosciuti – ha aggiunto il ministro Speranza, che a questo punto deve prorogare lo stato di emergenza (attualmente in vigore fino al 31 gennaio) -. Essendo l’epidemia in una fase espansiva nuova, il governo ritiene inevitabile prendere altre misure e dunque allungare al 30 aprile lo stato di emergenza».

MISURE – Preso il governo varerà il nuovo Dpcm che da metà mese entrerà in vigore per contrastare la diffusione del contagio. «Sicuramente – afferma Speranza – è nostra intenzione inserire nel testo la possibilità di ricevere a casa un massimo di due persone non conviventi come avvenuto per il periodo di Natale, ma non ci si potrà spostare più fra regioni gialle». Confermato il divieto ai bar di fare attività d’asporto dopo le 18, si va verso la riapertura almeno dei musei in zona gialla. Accanto, ecco il “nuovo percorso” indicato dalla zona bianca: «Solo con incidenza sotto i 50 casi ogni 100mila abitanti e Rt sotto a 1».

VACCINO – La campagna di vaccinazione prosegue, presto aumenteranno anche le dosi per casa di produzione. «Le fiale in arrivo nel nostro Paese saranno sempre di più e tale mutamento avverrà in tempi rapidi – assicura Speranza, che poi ha parlato di chi nutre dubbi sull’efficacia -. Sono convinto che la stragrande maggioranza degli italiani si vaccinerà senza ricorrere all’obbligo. Dobbiamo raggiungere l’immunità di gregge e procediamo con ogni energia possibile. Rispondiamo con l’evidenza scientifica a chi ancora ha dubbi a riguardo».


Radio Number One

#dovevivitu

Current track
TITLE
ARTIST

Background