Spino d’Adda, il sindaco: «Vietato abbassare la mascherina per fumare»

Il sindaco di Spino d’Adda, in provincia di Cremona, molto chiaro sull’utilizzo delle mascherine per chi vuole fumare. Casi simili anche in altre località

«Fumare non è un valido motivo per abbassare la mascherina, anche all’aperto». Sono le parole di Luigi Pioli, sindaco di Spino d’Adda, un comune in provincia di Cremona, molto chiare e precise, indirizzate ai fumatori del Paese. È un annuncio che arriva da un video postato dallo stesso su internet: «Incontro chi ha la sigaretta con mascherina abbassata, li richiamo e mi rispondono che stanno fumando. Ma non esiste un’autorizzazione a togliere la mascherina per fumare. Se volete fumare, fatelo a casa vostra o lontano da chiunque».

ALTRI CASI – Nel video si parla anche delle regole da seguire in generale in questo momento di difficoltà, considerando che la Lombardia è zona rossa. Il tema del fumo, in ogni caso, era stato affrontato anche a Cittadella, in provincia di Padova: il sindaco Pierobon aveva disposto la possibilità di accendere una sigaretta solo in determinate aree della città. A Lerici, invece, in provincia di La Spezia, “si può fumare solo da fermi e a distanza di almeno 5 metri dagli altri”.


Radio Number One

#dovevivitu

Current track
TITLE
ARTIST

Background