Invia un messaggio alla diretta + 39 393 4440444

On Air

ASCOLTA LA RADIO #DOVEVIVITU

seleziona qui la tua area arrow_drop_down
  • play_arrow

    Bergamo

  • play_arrow

    Brescia

  • play_arrow

    Garda

  • play_arrow

    Iseo

  • play_arrow

    Lecco

  • play_arrow

    Liguria

  • play_arrow

    Milano Ovest

  • play_arrow

    Piemonte (Cuneo, Asti)

  • play_arrow

    Piemonte (Torino)

  • play_arrow

    Valle Camonica

  • play_arrow

    Valle Seriana

  • play_arrow

    Valtellina (Sondrio)

  • play_arrow

    Varese

  • cover play_arrow

    Lo Sport

  • cover play_arrow

    Le Notizie

Abbiamo provato il telefono pieghevole Samsung Galaxy Fold che per ora però non esce!

Il nostro Luca Viscardi ha provato Samsung Galaxy Fold e ci racconta la sua esperienza: per lui è un dispositivo notevole.

Ma a quanto pare non risponde ai requisiti di qualità di Samsung, che ha deciso di rinviare a tempo indeterminato l’uscita del nuovo telefono per rafforzare la resistenza del display, dopo i casi registrati nei giorni scorsi delle rotture di alcuni modelli consegnati ai giornalisti per le recensioni.

In attesa di ritrovarlo sul mercato ecco il racconto della prova.

Il Racconto di Luca Viscardi

Aggiungo anche che tra le due soluzioni sul mercato, a me quella con 2 display, come quella pensata da Samsung sembra la più congeniale per l’uso di tutti i giorni, ma dovremo ovviamente provare Huawei Mate X a lungo per poter fare un confronto.

Samsung Galaxy Fold

Quello che temo del display che avvolge il telefono all’estero è la resistenza, ma non è questo il momento in cui fare confronti.

Sembra solido

Come forse saprete, Samsung ha deciso di rimandare l’uscita del nuovo Galaxy Fold, ma la prima impressione era comunque di discreta solidità.

Samsung Galaxy Fold

Un dispositivo che “si apre” non avrà mai la solidità di un pezzo “unico”, eppure mi è sembrato che la struttura fosse sufficientemente solida e soprattutto che l’impugnatura fosse ben bilanciata dalla divisione delle due batterie.

Sul fronte opposto a quello della cerniera ci sono pulsante di accensione, controllo volume e il sensore per le impronte digitali.

Tutto sommato il “volume” complessivo di questo dispositivo è più che accettabile. Non parlo di audio, ma di ingombro.

E’ un po’ come sovrapporre due smartphone e mettere un display flessibile che li tiene insieme. Penso che se gli ingegneri che hanno curato il progetto leggessero la mia semplificazione potrebbero prendermi a sberle.

Il primo pensiero che torna alla memoria è quello del Nokia Communicator. Questa è la versione moderna di quel concept, ovviamente con un aggiornamento tecnologico di oltre quindici anni.

La continuità tra gli schermi

Dal display piccolo al grande la continuità è automatica; in senso inverso, cioè per mantenere la app aperta sullo schermo piccolo quando chiudete il telefono, dovete fare una scelta nelle impostazioni.

Facile anche l’uso del multitasking, perché basta trascinare le app dal classico bordo del telefono. Funziona come sulla serie S e sul Note: con un movimento del dito dal bordo del telefono, aprite una lista di app.

Trascinate quelle che vi interessa aprire e il gioco è fatto.

Ovviamente, è possibile scegliere che dimensione dare alle finestre e potete invertire la selezione in qualunque momento. C’è poi un’ulteriore opzione, perché può essere aperta una quarta app, che appare come finestra flottante.

Un trionfo di fotocamere: ben sei

Non ho ovviamente un’idea precisa di come funzionino le fotocamere, servirebbe una prova più prolungata del dispositivo.

Però abbiamo la certezza dello stesso setup di Galaxy S10, che scatta foto paura.

Ci sono tre fotocamere sul retro, due sul display “centrale” e una fotocamera da 10 max a schermo chiuso, che è pensata soprattutto per le videochiamate.

Quante ne volevate ancora? 🙂

La piega si vede?

E’ la domanda che leggo ovunque. Ma su questo, come spesso accade, io ho un pensiero trasversale: come sarà mai possibile pensare di piegare un schermo e di non vedere alcuna traccia della piega?

Ovvio che ci sia, ma quando siete in posizione frontale, praticamente non ve ne accorgete nemmeno.

Per vedere la piega dovete mettervi controluce, di traverso, in posizione che incroci il fascio luminoso di fronte a voi e, solo se la luna sarà allineata correttamente sarà possibile farsi travolgere dalla piega.

Guardate le foto qui sopra. Stesso posizione, qualche grado di differenza, la piega non c’è più.

Adesso guardate la foto qui sotto. Riuscite scovare pieghe di qualche tipo?!? No, così, per dire…

Come sarà la batteria?

Due accumulatori, per bilanciare il peso del dispositivo, il cui carico complessivo è di 4.300 mAh. Basteranno per un’intera giornata senza ansia? Dobbiamo provare, ma diciamo che qualche patema sulla carta c’è. Speriamo che l’esperienza diretta lo cancelli.

Ci sono pur sempre due schermi da gestire e un uso intenso del processore in molte delle attività che svolge il telefono, non a caso ci sono 12 gb di ram.

La memoria complessiva è di 512 gb, mentre c’è una sola SIM, che potrà essere abbinata ad una seconda eSIM, quando verrà supportata anche dagli operatori italiani.

E il prezzo?

Poco più di 2.000 euro. ‘na botta. Ma la tecnologia si paga quando è ai suoi esordi ed è normale che il prezzo di accesso sia elevato.

Dentro la confezione troverete un paio di Samsung EarBuds, così come ci saranno due cover in materiale ultra sottile e ultra leggero che conferiscono un aspetto molto gradevole al telefono.

Chi di voi si immolerà per sperimentare la nuova tecnologia quando arriverà sul mercato?

il rinvio dell’uscita cambia la vostra valutazione del dispositivo?

Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su facebook

POST CORRELATI

Redazione

Artigiani e artigiane delle parole, lavoratori dell’informazione:
conosci chi progetta e scrive tutto quello che leggi qui, e non solo?

Andrea Team Radio Number One

Redazione

Andrea Ferrari

Laurea in linguaggi dei media, poi la specializzazione in digital content management, e così mi occupo anche dei canali web e social di Radio Number One. Amo la musica, canto sempre (forse troppo), suono clarinetto e tastiera. Col mio gruppo Esatonica ho inciso il disco “Bello oggettivo” nel 2014, e appena possibile mi esibisco in acustico col trio La Percentuale

Claudio Team Radio Number One

Redazione

Claudio Chiari

La tentazione di sorridere e di ironizzare su qualsiasi notizia è sempre dietro l’angolo, ma quando parte la sigletta delle news gli ascoltatori si aspettano che tu sia attendibile e credibile. Da sempre mi muovo su questo delicato equilibrio che vede da una parte il giornalista e dall’altra lo speaker che si lascia un po’ andare. Sono convinto che le prime ore del mattino in radio abbiano un fascino particolare, ma chissà che un giorno non riesca a svegliarmi ad un’ora decente… Il mio sogno è andare in onda ogni giorno da una piazza diversa per raccontare la vita della gente che ci ascolta. Odio i negazionisti e i fabbricatori di fake news, amo le persone molto intelligenti e che non se la tirano. Mi affascina lo sport, anche se negli ultimi anni la passione per la cucina gli sta rubando un po’ di spazio. E la pancia lo conferma...

Denny Tecnico Radio Number One

Redazione

Denny Nardi

Un 31 agosto del secolo scorso in quel di Monza verso le 22.30 nacqui in un ospedale cittadino. Tre ostetriche arrivarono a cavallo dei loro carrelli e mi portarono la crema, i pannolini e il biberon… Fuori dalla sala parto (che in quel caso fu una sala arrivo) si stagliavano moltissime persone che facevano i lavori più disparati. C’era un falegname, un muratore, un elettricista, un imbianchino e via via molti altri. Solo in un secondo momento seppi che erano lì per risistemare la corsia e non per me, ma la gioia iniziale fu tanta lo stesso. Il silenzio di quella serata non venne interrotta da un pianto, ma dalla notizia che davo sulla nascita del bimbo che era nato nella sala vicino alla mia e che, probabilmente da grande, avrebbe fatto lo sportivo. Il resto è storia comune.

Marco Team Radio Number One

Redazione

Marco Vignoletti

Come ci si racconta in poche righe? Non sapendo da che parte cominciare, ho chiesto una mano a mio figlio Stefano (di 10 anni), il quale si è prontamente messo a disposizione: “Papi, sei pelato!”, è stata la prima risposta, che mi ha dimostrato una certa capacità di cogliere il mio travolgente lato estetico. Alla richiesta di andare “oltre”, mi ha osservato con fare implacabile dicendo: “Una cosa veloce che sono in chat con gli amici, ma secondo me sei simpatico, sempre allegro, sensibile e hai tanti amici che ti vogliono bene”. Ed è sparito nella sua stanza, anche lui sempre allegro, con i 10 euro appena guadagnati.

Patrizio Team Radio Number One

Redazione

Patrizio Romano

Faccio parte della redazione giornalistica e mi potete trovare in onda tutti i giorni feriali con l’informazione. Con l’obiettivo che sia la più puntuale e chiara possibile. E con il vizietto di appassionarmi ancora allo sport!

Radio Number One è #DOVEVIVITU.
Musica italiana e internazionale, notizie e articoli dal mondo dell’attualità, podcast e approfondimenti su musica, spettacolo, arte, cultura, libri e sport.
Radio Number One siamo noi: facciamo divertire più di 200mila ascoltatori ogni giorno e oltre un milione alla settimana. E il nostro obiettivo è quello di sempre: la buona musica #DOVEVIVITU

Radio Lagouno s.r.l. SEDE LEGALE: Via Camozzi 9/11 24122 Bergamo (Italia) P.I. & C.F. 00699990164 REA: BG-166254

©2017 Radio Lagouno s.r.l. | SEDE LEGALE: Via Camozzi 9/11 – 24122 Bergamo (Italia) | P.I. & C.F. 00699990164 | REA: BG-166254 |
Privacy Policy e Note Legali | Cookie Policy | Privacy Policy WhatsApp | Codice Etico | Codice Reclami | Crafted by ADL -Your Digital Coach

©2017 Radio Lagouno s.r.l. | SEDE LEGALE: Via Camozzi 9/11 – 24122 Bergamo (Italia) | P.I. & C.F. 00699990164 | REA: BG-166254 | Privacy Policy e Note Legali | Cookie Policy | Privacy Policy Whatsapp | Codice Etico | Codice Reclami | Crafted by ADL -Your Digital Coach
0%